Piatto unico….santo subito!!!

Devo riconoscere che tra tutte le sfaccettature della mia incondizionata passione per tutto ciò che é British, l’usanza del main course ricade sicuramente nella top ten!

Riunire in un unica portata le varie componenti nutrizionali del pasto può essere un valido aiuto alla dieta (non è il mio caso), un’alleggerimento del lavoro del lavapiatti ed una soluzione simpatica per la cena in famiglia di ogni giorno.

Tanto perché non crediate che in questi giorni di silenzio me ne sia stata con le mani in mano, ho sperimentato ben 3 menù da 15 minuti di Jamie, ed il piatto unico ha trionfato sulla mia tavola 😉

INCREDIBLY DELICIOUS CHICKEN SALAD

Questa effettivamente veloce, saporita e leggera:

  • sbollentare le cime di un broccolo in acqua salata bollente per qualche minuto quindi prelevarli con la schiumarola e gettare nella medesima acqua una tazzona di bulgur e due limoni sott’olio
  • tagliare i ravanelli e un cipollotto a fettine sottili e condire in una ciotola con olio evo aceto balsamico sale e pepe
  • insaporire quattro fettine di petto di pollo con sale pepe e cumino in polvere quindi rosolare in padella con un cucchiaio d’olivo per 3 minuti per lato circa
  • scolare il bulgur e comporre l’insalata in una capiente terrina, mescolando al bulgur i fiori di broccolo, il pollo tagliato a striscioline e le verdurine
  • 20130412-163014.jpg

    WARM CHICKEN LIVER SALAD

    Con questa il Signor Marito s’è perfino commosso:

  • terrinona, ci apro una busta di insalata pronta a scelta ( per starci in 15 minuti non hai alternativa), io ho scelto la valeriana
  • nel robot con lama sottile affettare mezzo cetriolo, una carota, una cipolla rossa e condire in una ciotola a con prezzemolo tritato, sale pepe olio evo e balsamico
  • tostare quattro fette di pane tipo ciabatta, preparare una pappe tra di parmigiano, senape yogurt e Worchester, spalmare un lato dei crostini e rimettere sotto il grill a fare la crosticina
  • pulire 400gr di fegatini di pollo e rosolarli in padella con 150ml di balsamico, un cucchiaio di marmellata di albicocche e della pancetta affumicata a cubetti
  • comporre l’insalata aggiungendo nella terrina le verdurine della ciotola e circondare con i crostoni formaggiosi
  • togliere i fegatini dal fuoco ed aggiungere un paio di cucchiai di yogurt naturale
  • Consiglio di mangiare l’insalata insieme ai fegatini ancora caldi, l’esaltazione reciproca dei sapori è un’esperienza trascendentale…parola di Signor Marito 😀

    20130412-164600.jpg

    NOTA: siccome i crostoni formaggiosi li avevo già fatti, ma soprattutto perché avevo bisogno di mettere le mani in pasta, ho direttamente preparato un PANE FORMAGGIOSO seguendo la ricetta che la bravissima Lorraine Pascal fa in questo video trooooppo buonoooo!!!!

    GORGEOUS GREEK CHICKEN

    Questa è proprio fresca….sempre che il caldo si decidaaaaaa!!!!!!!

  • in una ciotola bagnare una tazza di cuscus con due tazze di acqua salata bollente e coprire
  • nel robot tritare grossolanamente un peperone giallo, uno rosso e un paio di cipollotti e trasferire nella solita terrina gigante 😉 e condire con olio evo sale e pepe
  • sbollentare 250gr di piselli surgelati, scolare ed aggiungere nella terrina
  • preparare la salsa TZATZIKI con mezzo cetriolo grattugiato, un pizzico di sale, succo di limone, yogurt naturale e foglioline di menta tritate
  • condire 4 fette di petto di pollo con sale, pepe, scorza di limone grattugiata e pepe di Gamaica macinato, quindi spadellarle con olio circa 3 minuti per lato
  • sgranare il cuscus con una forchetta ed aggiungerlo nella terrina insieme al pollo tagliato a striscioline e servire con la salsa TZATZIKI accanto
  • Ha un sapore molto delicato e forse qualcuno potrebbe volerci aggiungere un po’ di carattere con del peperoncino, che in effetti sarebbe previsto, ma ho omesso dietro esplicita richiesta del Signor Marito 😉

    20130412-165709.jpg

    Frenesia domenicale

    Nelle famiglie “normali” la domenica é tradizionalmente il giorno del riposo, dei tempi lenti e dilatati, della colazione a ridosso dell’ora di pranzo, delle cotture lente e lunghe, dei pani lievitati che profumano di miracolo di vita…beh tutto questo da noi non accade.

    Con i turni del Signor Marito noi viviamo una domenica standard al mese, se poi, come accade questo aprile, in quella che é libero lui lavoro io non ce ne resta neanche una! È in domeniche così che cerchi di incastrare 60 lavatrici, almeno una lavastoviglie, improponibile pensare di infornare qualcosa salvo ritrovarsi a fare in continuazione la spola col contatore della luce che continua a saltare, cercar di far passare il tempo non incollata alla tele alla cinquenne e soprattutto riuscire a fare tutto con l’unenne aggrappata ad un fianco tipo il koala amico di Georgie….

    Ma questa domenica é stata più frenetica del solito…perché finalmente dopo quasi 3 anni mi sono presa qualche ora per me e mi sono regalata due bellissime ore di bata de cola con la meravigliosa Leonor Leal Chamorro….che ringrazio perché ne avevo veramente bisogno!!!!

    20130407-211849.jpg

    Detto ciò non é difficile comprendere perché al delirio di una giornata come questa mi sia sentita in dovere di presentare al Signor Marito un dignitoso pranzetto, e così sotto col terzo menù da Jamie’s 15- minute meals.

    CRACKIN’ CRAB BRIKS

    Questa volta perfino il Signor Marito, grande fan di Jamie, ad un certo punto é entrato in cucina sbraitando “Insomma, tra quanto mangiamo? É quasi un’ora che sei qui a spignattare!” …inutile dire che ancora i 15 minuti previsti per la preparazione restano un lontano miraggio, ma il sapore era da mille e una notte!!!

    Ho fritto in padella 4 saccottini di pasta fillo ripieni di polpa di granchio (NO SURIMI!), cipollotti, prezzemolo ( ci sarebbe andato il coriandolo fresco ma il Signor Marito non lo tollera), limoni sott’olio (che fortunatamente avevo preparato tempo fa seguendo la ricetta di Nigella) e salsa harissa che, non essendo riuscita a reperire in commercio, ho preparato seguendo questa ricetta ma dimezzando le dosi.

    20130407-214209.jpg

    Preparato un cuscus di Kamut biologico con l’aggiunta di un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro, che è poi andato a sposarsi nell’insalatiera ad un finocchio tritato insieme a qualche fogliolina di menta fresca, spruzzato col succo di un limone e profumato con un cucchiaino di semi di carvo (kümmel).

    20130407-214236.jpg

    Last but not least una freschissima salsina di pomodoro e zenzero freschi battuti al coltello conditi con un pizzico di sale ed una spruzzata di limone…

    20130407-214451.jpg

    I profumi erano inebrianti ed i sapori fortemente evocativi tanto che, forse complice il sole che finalmente é tornato a splendere, guardando fuori dalla finestra ho scambiato la rosicchiata palma dei vicini per un rigoglioso palmizio di un’oasi nordafricana 😉

    20130407-215735.jpg

    …e spontanea è andata formandosi nella mia mente una domanda: ma in nordafrica che lo usino il mango???