Bon voyage

Fortunatamente in gioventù ho avuto l’occasione di viaggiare molto, e di questo sarò eternamente grata ai miei genitori!!!

Il viaggio credo sia un’esperienza formativa meravigliosa, ti arricchisce sotto molti punti di vista, culturale, emotivo, sociale, percettivo ed ovviamente gastronomico ( eccezion fatta per quegli esseri inutili che ovunque si trovino sul globo terraqueo pretendono di mangiare come a casa propria, e che non per niente denigrano questa e quella cucina….MA STA CASA TUAAAA!!!! dico io!)….comunque dicevo che viaggiare é una cosa meravigliosa, ma da quando sono diventata BI-mamma mi sono parecchio casalinghinizzata, ed i viaggi più esotici riesco a farli solo attraverso gli aromi, i profumi ed i sapori dei piatti che cucino…

Attualmente la globetrotter di famiglia é la mia supercuginetta E che proprio in questi giorni è in partenza per un lungo viaggio in oriente, e così con la scusa di salutarla 😉 ieri sera l’invitata a cena, cogliendo così ben tre uccelli con una fava:

  • l’abbiamo effettivamente salutata 😉
  • ho approfittato per commissionarle qualche acquisto di spezie che languono dai miei scaffali 😀
  • ho preparato il secondo menù da 15 minuti di Jamie
  • GLAZED PORK FILLET

    Anche questa volta i 15 minuti presunti per la preparazione non erano neanche lontanamente sufficienti, anche solo perché dalle mie parti il riso integrale precotto é introvabile!!! É così mi sono presa per tempo e nelle vesti del “tizio dello staff” in mattinata ho lessato mezzo kilo di un ottimo riso integrale biologico, omaggiatoci da cari amici, per 45 minuti e l’ho poi lasciato coperto a svaporare nel colapasta. Un’ora prima della cena ho tirato fuori la carne dal frigo e tagliato le verdure: una cipolla rossa, due coste di sedano, un peperone giallo ed uno rosso, un pacchettino di okra .

    20130406-173255.jpg

    Il simpatico baccello verde merita una digressione: l’okra, o lady finger, sembra un incrocio tra una piccola zucchina ed un cetriolino, io l’ho conosciuta al ristorante indio-mauriziano e me ne sono letteralmente innamorata, ma non avendola mai utilizzata prima, ho deciso di documentarmi un po’ e così ho trovato questa pagina che mi é sembrata molto ben fatta, ah non preccupatevi dello slimacciume che esce quando la tagliate, é normale;-)

    Finito con le verdure torno dal mio filetto di maiale, lo incido per il lungo, lo apro a libro e lo prendo letteralmente a cazzotti come indica la ricetta 😉 MOOLTO TERAPEUTICO!!!! Massaggio le carni con sale, pepe nero ed un cucchiaino colmo di allspice, noto anche come pimento o pepe della Giamaica, e lascio un po’ riposare.

    20130406-175454.jpg

    Nel frattempo arrovento una teglia dove far sigillare la carne per poi passarle sotto il grill del forno, accendo il forno col grill sui 200C, ed una casseruola dove saltare le verdure con paprika dolce, semi di cumino e di finocchio ed una tazza d’acqua. Bene, quando tutto é incandescente parto: butto la carne calcolando un 4 minuti per lato e inizio a saltare le verdure….in teoria da qui sono 15 minuti….

    ….non fosse che la lista degli ingredienti della salsa BBQ é lunga come un canto dantesco, quindi il Signor Marito veste i panni del leggio e mi tiene il libro aperto sotto il naso mentre io gesticolo freneticamente tipo piovra epilettica: 2 spicchi d’aglio schiacciati, 4 cucchiai di ketchup, 2 cucchiai di salsa HP, 1 cucchiaio di salsa di soia, 2 cucchiai di Worechester, 1cucchiaino di tabasco, 1 cucchiaio di miele liquido, 3 cucchiai di succo di mele .

    Salsa pronta la verso sulla carne che oramai ha fatto la sua bella crosticina e via sotto il grill 7/8 minuti a glassare.

    Torno alle verdure, che personalmente avrei preferito un po’ più morbide, e vi butto dentro il riso precotto, il succo di mezzo limone e qualche foglia di basilico…tempo che la carne è glassata il riso ha assorbito gli aromi delle verdure e quindi é tutto pronto, così porto in tavola

    20130406-175708.jpg

    20130406-175725.jpg

    Devo ammettere che per 4 persone é un menù perfetto e bilanciato, mi ha sorpreso per la delicatezza sensoriale dei profumi e dei sapori, la carne era tenerissima ed il riso un caleidoscopio di sensazioni…il Signor Marito mi ha perfino fatto i complimenti!!!! 🙂

    NOTA: di base ho sempre paura che i miei ospiti vadano via non completamente sazi, così avevo preparato l’ormai classico nigelliano Roquamole e per dolce mi sono accontentata di aprire l’ultima colomba EVVAIIII!!!!!

    NOTA DOLENTE: nessun MrMango era previsto in questo menù, sorry 😦

    Annunci

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...